Daniela Fioravanti, Piccole parole salvate

Ed eccoti
nudo
fuori dal nido
solo ad amare
non solo te.
Violato inviolabile.
Cadere nel vuoto
in capriole struggenti.

*

Ogni labbro biascica
memorie sonore
per descrivere il mondo.
Noi posiamo le nostre parole
sul tavolo
all’ingresso di ogni giorno.
Lì si abbeverano
la mia e la tua lingua;
fragile confine
di paternità dei suoni,
approdo certo
e ignoto.

*

L’altra voce
spunta piano
esce sommessa
dal chiasso dei cori
sale e si aggrappa
come l’edera e la speranza.
Ha le note che mancano.

*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...