luigi palazzo, poesie inedite


In un istante ci siamo perduti e ritrovati
ci siamo perduti
affamati
sparsi nella sera
in questa giravolta del tempo
per affannarci nel mentre e nel poi
e cercarci nel mai.

Nella ridondanza delle parole nascoste,
nella mattina del buio ancestrale,
nelle dispense di pensieri,
ci siamo perduti.

E il battito del quando,
l’anello nella siepe,
l’arrotolarsi intorno ad una fiammella tiepida
e cera che gocciola accarezzando le nostre guance
e scende al mento
e cade.

*

Un drago
a forma di nuvola
prende luce
da un buco luminoso
nella cortina
tra ciò che è materiale
e l’oltre.