Gisella Blanco – Melodia di porte che cigolano

Vorrei che tu
rinascessi
nei miei occhi
affinché possa vederti
totalmente
nella forma esatta
che agisci
in me.

*

Mi spingo oltre
il limite debole del mio sguardo
ad ammirar tutta la bellezza intorno
che mi scivola sugli occhi come olio
e la lascio scappare
con il petto che accoglie
ancora
il suo fulgore distratto
ma è poca cosa
tutta questa bellezza
che senza te
è carne nuda di stupore.

*

Suono mesto di pianto
s’accuccia tra l’avarizia di te
e me che giaccio su specchi puliti
in questo corpo di donna,
cadavere fresco d’amor vanesio.