Michela Zanarella – tre poesie inedite

A gennaio ogni cosa
si presta a riprendere forma
è come quando si spalancano finestre al mattino
per dare aria nuova alle stanze
si spera in un tempo che possa sorridere alla vita
senza dimenticare le stagioni che ci hanno preceduto
non serve scagliarsi contro il buio che è avvenuto
il cielo sta con le albe aperte
ha tenuto la conta di tutte le assenze
lentamente ci toglierà gli affanni
e impareremo che sotto nuvole compatte
esiste un sole generato per splendere
che spinge l’infinito a ricominciare.

*

Farà estate di nuovo
e forse riusciremo a parlarci
senza nascondere le labbra
impareremo daccapo ad abbracciarci
protetti da un amore sopravvissuto alle distanze
parte del dolore che abbiamo conosciuto
ci porterà a fissare il cielo come un sentiero ridisegnato alla luce
capiterà un risveglio negli occhi
e il tempo in cui abbiamo fatto finire il sole in una stanza
sarà un ricordo che ci ha costretto al distacco per non ferirci.
Si avvicinerà anche il tramonto e lo sentiremo caldo lasciarsi andare nella luna
che chiamerà il mondo ad un ridere di stelle,
tra gli scogli il buio svuoterà lontananze.

*

L’inverno consegna neve alle strade
nel silenzio breve
giace scalza la voce di mia madre
siamo lontane
allora invoco un tempo
dove stavamo mute a fissare le stanze
con lo stesso sguardo strappato alle distanze.
Salvo sul dorso di un confine
l’affetto matura nella somma delle nostre assenze
la sera è il momento per donarsi
una memoria completa
poche carezze da una legnaia ghiacciata ad un terrazzo
che si affretta a stringere petali di rosa nella pioggia
a trattenere la materna eco, candore di ritorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...