Mirko Di Grazia, Poesie inedite

Hai annacquato le mie parolecome si fa con il caffè amaroperché la mia lingua ti aveva tagliata a metàcome una melamostrando i semi della tua vulnerabilitàe di riflesso hai svelato come in una mappai mieilasciando che il suono dei tuoi passimi accompagnassenel mio senso di colpa. (quando non ci capiamo) * Hanno disboscatola casa fra le tue gambecredendo di potercambiare la tua naturasostenendo che tutto … Continua a leggere Mirko Di Grazia, Poesie inedite

Mariapia L. Crisafulli, Poesie Inedite

La misura delle cose La storia si conta per secoli.La vita per decenni. E i giorni per cose fatte o da fare.E le notti per occasioni consumateo perdute. Le poesie si contano per fogli sparsi,come le stanze per finestre accesein attesa di un ritornoo intimando un addio. Immagino, ma non so. * Da manovale Tu che alzi muri,io che abbatto le pareti. E i canovacci … Continua a leggere Mariapia L. Crisafulli, Poesie Inedite

Antonio Lillo, Inedito

Non senti l’albero crescermi dentro stanottesfondare la cassa toracicae arrampicarsi intorno sui muri aggrapparsialla carena della nave sul soffittoquesta nave rivoltata verso il cielo? Non lo senti portarci con sé in altosopra le impalcature muschiate navigandonella pioggia sopra i tetti di Sienanello scheletro, nei muri e in ogni rocciafin dentro le radici dell’acqua? (Inedito) Continua a leggere Antonio Lillo, Inedito

Laura Solieri , Poesie Inedite

Ti ricordi di me?Sono quella che ti regalavacavallette e rivoluzione.Nel cortile dello svago,nel piombo feriale,starsi accanto.Grazia di presenza accettata,conquistata,quando di serati togli le scarpesalendo le scaleper non svegliarmi. * Trasporto animali vivi.È tutto un ballonzolaredi budelli e coscee ricordi di tane tiepidedi contatto e fiato.Sul camionuna giornatache rischiadi andare a male,con tutte queste mestruazionifaccio quello che possoper assorbire alla meglioi colpi bassi dello stare.Carne a … Continua a leggere Laura Solieri , Poesie Inedite

Felicia Buonomo, Poesie Inedite

«Aspetto papà», ha detto. Aveva quattro anni di etàe due di chemioterapia. Papà, duedi immotivati sensi di colpa.Era mia sorella. Se n’è andatatra le lenzuola con il merletto in pizzodi mamma, che ha scelto la morteper aprire il corredo avuto in dote. «Non è stata la malattia a portarsela via»,dice papà. «Non ho saputo proteggerla».Papà si crede Dio,che di vita e morte decide. * Riceve … Continua a leggere Felicia Buonomo, Poesie Inedite