Il Visionario intervista Paolo Amoruso

Paolo, come mai la scelta di non usare la punteggiatura? L’obbiettivo è semplice: permettere a chi mi leggerà di creare altre storie attraverso le mie parole. Credo che la figura che spieghi meglio questo esperimento, sia quella di un sillabario da cui chiunque può attingere come crede per poter, a suo modo, raccontare raccontandosi. Ciò non significa che il libro sia sprovvisto di un ordine … Continua a leggere Il Visionario intervista Paolo Amoruso